Feeds:
Articoli
Commenti

Aggiornamenti del cazzo

Saluti a tutti. Via, aggiorniamo sto mortorio di blog e scriviamo un paio di poottanate, dai. Dice: ” Ma in sti due mesi che meenchia hai fatto?” Niente. Non avevo voglia di scrivere un cazzo. Da ora in poi quasi sicuramente non avrò nemmeno il TEMPO di scrivere qualcosa, indie i miei post saranno ancora più ad minchiam. Cioè potrei aggiornare tra mesi e mesi, o anche mai. Ma anche no.

Tuttavia. Prima di fare un minimo di riassunto di sti due mesi, due paroline di rito sui telefilm (e intanto mollo due bestemmie all’applicazione di Virgin Radio che si è bloccata senza un perché. Affancoolo) . Ok, stai vedendo Fringe e ti sta piacendo troppamente. Poi piano piano la coppia Olivia+Peter si sta riformando, e un po’ ti sciogli. Scene di una pucciosità che levati proprio, se mi commuovo io dovreste commuovervi tutti. TUTTI

sì, DEVI commuoverti

e poi è iniziato Spartcus. Solite puntate all’insegna della sobrietà più totale, scene di sesso gratis e sangue a fiumi. Unica nota negativa il nuovo attore che rimpiazza Spartacus, da me medesimo denominato Spartacchino. Ma sai che non c’entra un benemerito CAZZO con tutti gli altri attori? Ma zero proprio. Tutti gli altri gladiatori hanno certi muscolazzi allucinanti mentre lui è un magrino ma magrino magrino tipo lui

ti penso sempre pete, ritorna da noi

e ogni volta che lo vedi ti chiedi un po’  “ma questi perché mai dovrebbero seguire e prendere ordini da sto tizio magrissimo che basta un rutto in faccia da un gladiatore palestraterrimo qualsiasi per ammazzarlo? MAH”

Mabbasta, veniamo a noi. Due mesi di nulla. Come al solito tra San Silvestro e il 1 gennaio febbre tra le più allucinanti MA impavido e coraggioso decido comunque di andare a na festa in campagna di non si sa bene chi con Chiara&friends dove non è che abbia bevuto poi tanto da fare schifo, giusto un paio di cose

giusto un paio eh, anche lei lo crede quindi vi potete fidà

però un paio di TUTTO.  Anche quel paio di cicchetti di rum che ti eri promesso di non bere mai e poi mai dopo quella sbronza atroce di anni fa, ma preso dal sacro fuoco dell’alcool e da un sacrosanto MASSI’ STI CAZZI alla fine li hai bevuti lo stesso. Con risultati che si sarebbero poi rivelati catastrofici

ti credevi tanto bello, ma la mattina del 01/01 eri così

e quindi. Che altro, dopo na decina di giorni sei andato alla festa più attesa dall’Upper East Side ossia Beviamo vino fino a stare male ossia LE FANOVE a Castellana Grotte (stato di NY) . Non volevi, sei pronto a giurarlo ma alla fine hai bevuto vino ovunque. E dopo un altro paio di settimane sei andato alla presentazione del cd dei Compact Moroboshi (nuovo gruppo, italiano e formato da tre ragazzi che hai conosciuto e reputi geniali) all’assocazione Sepik, anche qui non volevi ma hai letto LOTTERIA ALCOOLICA e non hai resistito. Bicchieri di vino a volontà e ho pure vinto il secondo posto (che era un’ulteriore consumazione. cioè champagne proprio) , rientro a casa tra i più felici.
Ma soprattutto settimana scorsa ho trascorso qualche giorno a Londra. Sì, L’Hondra. Dice :  “A far che?” Ma niente, così.
C’ero già stato e quindi evito di dilungarmi con descrizioni entusiastiche sulla bellezza infinita della città, di quanto ti piace e cazzi&mazzi. Segnalerò giusto un paio di cose.

Vorrei vivere lì non tanto perché Londra E’ Londra ma per il semplice motivo che sono tutti e dico TUTTI educaterrimi. Entri in un locale, e il tizio che sta uscendo ti mantiene la porta e aspetta pazientemente, ti saluta e ti RINGRAZIA PURE senza sapere bene il perché, sulle scalinate in metro sono tutti tranquilli e posati e calmi, sul vagone proprio tutti zitti belli con il loro ipod parlando a malapena e a bassa voce, si può anche creare un ubermegaingorgo al semaforo ma nessuno e giuri NESSUNO spara il clacson, tant’è che hai pensato “qua le auto le fanno senza clacson”, sei in un locale e tutti i tavoli sono pieni no? beh c’è sempre uno che si alza all’istante, ti libera il tavolo e in più SI SCUSA perché ha occupato il tavolo più del dovuto. Per me è il sogno.
Ma il vero sogno dei sogni totale è la quantità disarmantemente allucinante di GNOCCHE TOTALI. Qui lo dici e affermi con serietà: a Londra hai visto le gnocche più gnocche di tutta la tua misera vita, giuro. Cioè, sono così tante che non hai tempo di ammirarle tutte. In giro il sottoscritto aveva perennemente sta faccia

ero troppo uguale

ma hai sbavato ancora di più e detto addio alla tua dignità di fronte alle tizie che lavorano ad Harrods. Non avete idea del livello di gnoccaggine presente, ma zero proprio. Hai tentato approcci anche in reparti totalmente insignificanti per te (tipo quello lavatrici. true story) ma i risultati sono SEMPRE stati tra i più scadenti. Vita infame. E comunque la mia espressione da Harrods era questa qua

uguale #2. perché non ti bastava sbavare normalmente, dovevi pure gridarlo a gran voce con il microfono

e poi niente, hai mangiato tutte le peggiori cagate e hai rubato un’altra tazza da Starbucks. Ogni tanto è bello rievocare i fasti del fu Mr. Male.

Chiudo raccontando che sul volo di ritorno hai beccato una ciurma di ignorantissimi e odiosissimi ragazzini accompagnati da un’insegnante perché ATTENZIONE ATTENZIONE erano andati in gita a LONDRA. Ste piccole merde. T’è preso letteralmente un colpo quando l’hai sentito, soprattutto  perché ti sei ricordato che tu alle elementari hai visitato in gita UNICAMENTE posti come questo

e le palle ti giravano tipo fortissimo

mentre sti quattro nani del cazzo giravano bellamente per piccadilly circus. Stronzi maldetti. Il mio sogno alle elementari era andare allo Zoosafari (sogno che, ricordi dolorosamente, MAI REALIZZATO) e invece ogni anno era sta cazzo di gita in fattoria. Che ha causato anche traumi gravi, ché come cazzo ti viene di dire gioiosamente “dai bambini! vediamo come si scuoia un coniglio vivo!” E vabbé .  Sono cose che non sono cose.

E quindi basta. Aggiorno appena posso. Statv’ bun.

 

PS: oooh fermi tutti, mi son scordato na cosa. Dice: “Perché non avrai nemmeno il tempo di scrivere?” Semplice: STO LAVORANDO

non ci crede nessuno, ma è così

quindi avete presente il freddo polare delle scorse settimane no? BEH, è colpa mia. Ogni volta che trovo lavoro succede qualche calamità/avvenimento incredibile, e pure sta volta è stato così. Sapevatelo
PPS: Dice ancora ECCHEPPALLE:” ma non è meglio se non lavori così ci salviamo tutti da ste calamità?” sì, potrei ma MORS TUA, VITA MEA, TACCI TUA come disse socrate. poi si sa quello che penso dell’umanità varia e quindi perciò ATTACCATEVI AL CAZZO, vi sterminerò tutti lavorando

Annunci

Così

Voilà.
Non scrivo un cazzo per tre mesi, poi faccio un secondo post nel giro di una settimana. Non so che dirvi, mi è venuta l’ispirazione. Più o meno, specifichiamo.

Quello che scriverò lo trovate più o meno uguale sulla mia pagina di Anobii, quindi se l’avete già letta leggetela di nuovo perché aggiungerò qualcosina in più.
Bon, adesso che ho specificato let’s start.

Stamattina mentre ero sotto la doccia pensavo: “Ma perché non pubblicare una bella (me la canto e me la suono da solo of course) e onesta recensione su qualcosa di brutto?” E così sia.

Che l italiano medio abbia gusti di merda è cosa nota. Quindi non stupisce la notizia della trasposizione cinematografica del libro più brutto che abbia letto,

Dio non esiste,è evidente se permette ste robe

in FILM. Cioè, non bastava il libro, no, pure il FILM

a vederlo mi pizzicano talmente tanto le mani che levati

dove lo stronzo chiaramente E’ IL PROTAGONISTA, non basta cagare il cazzo con il libro no, ci mette pure la faccia

di merda,ma non vi ispira tante mazzate

Tuttavia,partiamo con la recensione. Dai.

Ho provato a leggere i libri di sto tizio unicamente per farmi un’idea di come possano piacere così tanto alla gente, personalmente li trovo tutti imbarazzanti e banali,ma questo forse più di tutti.
Praticamente é un insieme di OVVIETA’ e sullo sfondo c’è una storia totalmente irreale.Due tizi si incrociano sullo stesso tram,si guardano, si vogliono e non si vogliono.In realtà sono due psicopatici. Insomma,non può che essere così. Tu come lo chiameresti uno che raccoglie il tuo guanto sul tram,non te lo restituisce,anzi lo tiene sempre con sè e lo odora sempre? Un maniaco.
Poi si scopre che in realtà la tizia aveva lasciato apposta il guanto affinchè lo tenesse lui -cioè, tu lasci il tuo guanto a uno che non conosci, a un potenziale maniaco. Quindi sei matta.
Alla fine decidono di prendersi un caffè, ma sfiga vuole che lei molli tutto e voli a NY per lavoro il giorno dopo essersi beccati. Alla lettura, io esulto letteralmente.

" dai! il libro finisce qui! "

E invece no. Lui, SENZA SENSO E MOTIVO, decide di mollare tutto, prendere e partire alla volta di NY senza avere la certezza di rivederla. Così. E’ una cosa che tutti chiaramente possono permettersi di fare.
Il motivo del tutto é logico: é solo un modo di far vedere ai suoi fan decerebrati quanto il loro guru sia figo, che conosce tutti i posti fashion, fighi e wow della grande mela,nient’altro. Sullo sfondo i due decidono di stare insieme a termine,un po’ come i prodotti caseari che entro tot di tempo vanno a male,e l ultimo giorno in cui stanno insieme la svolta: lei dice a lui SE VUOI STARE ANCORA INSIEME A ME,INCONTRIAMOCI FRA 3 MESI -mò non ricordo esattamente- A PARIGI,SE STARAI LI’ FAREMO UN FIGLIO INSIEME!

cioè, a PARIGI, DAL NULLA, non so se mi spiego

Dico io,ma PERCHE’. PERCHE’ .
Perchè non beccarsi,che ne so,al fornaio.O sotto casa,o al bar,o in qualsiasi altro posto che avrebbe molto più senso ,no.A PARIGI. E se si presenta all appuntamento decidono di mettere al mondo un altro incapace senza un minimo di senso logico come i due protagonisti di sta cagata,che alcuni definiscono libro senza inorridire -e non so come facciano.

una significativa immagine che rappresenta i fan dello stronzo e lo difendono pure

Ovviamente lui va – altro modo di far vedere quant’é figo volo,che conosce i localini più in di parì- e vissero felici e contenti,solo loro due però visto che la mia pazienza e sanità mentale era tutto tranne che felice e contenta.
Leggi sto libro e hai letto tutti i libri di volo,un’accozzaglia di frasi fatte,banali,e lui che racconta di trombate epiche con porche mai viste ,però lui é DORCE e caro e alla ricerca perenne dell amore,

Perché l uomo medio che ha trovato la porca pensa "ma io non so che farmene,voglio i sentimenti" . Sì credici donna media,credici

 

così tutte le sue fans si scioglieranno/bagneranno al pensiero “Aaaaah,quant’é tenerello”.

Questo è quanto. Spero vi piaccia perché per fare sto post veloce veloce salta la visione dell’ultima puntata di Misfits, che slitterà atrocemente a stasera. Quindi DEVE piacervi .

Alla prossima

Infinite Scazza

Un saluto a tutti.

Aggiorniamo un po’ và. Sono passati tre mesi e dico TRE dal mio ultimo post.Lo so che è legittimo il vostro “CHEMMINCHIAHAIFATTO” ,ma sappiate che è altrettanto legittimo il mio “CAZZOVENEFREGA”. Tuttavia vi risponderò lo stesso perché in fondo sono un prafo pampino. In fondo.

Bon,la causa principale per cui non ho aggiornato principalmente è questa: non avevo voglia. Se devo scrivere perché DEVO alla fine poi vengono fuori certe puttanate che non si possono proprio vedere ma levati proprio,quindie niente.
L altro motivo è che ha letteralmente rubato il mio tempo e qualsiasi momento libero la lettura di Infinite Jest di Wallace,1180 pagine di romanzo e altre 150 di note,ed è stato definito dagli esperti come “un libro della madonna”. Non farò na recensione perché IMHO quando si ha la fortuna di leggere un libro bello scazzarsi in lodi e lodi del suddetto è totalmente inutile,basta dire STO LIBRO E’ BELLO,UN CAPOLAVORO,LEGGETELO SENNO’ VERGOGNATEVI A VITA, la bellezza del libro parla da sola. Al massimo posso dire che IJ è come dovrebbe essere ogni libro per me, ossia avere un numero di pagine spropositato, i caratteri sono piccoli ma piccoli che manco ti dico, mentre leggi è come se uscissero delle braccia dal libro che ti prendono e ti buttano violentemente&piacevolmente nella storia, il tutto contornato dall’odore delle pagine che si lasciano sniffare che è un piacere. Decisamente un libro non per tutti, che richiede tempo, pazienza, assoluto silenzio intorno, massima attenzione ma che dà tante ma tante soddisfazioni, superate le prime 50 pagine poi non si riesce a farne a meno. Come detto su anobii,se non avessi letto Alta Fedeltà (che per bellezza e emozioni suscitate resterà per sempre IL libro) IJ sarebbe un ottimo libro preferito.

Voilà. Per il resto,che dirvi di sti tre mesi. Boh,davvero, non è successo quasi un cazzo.
Vediamo. Infinite Jest a parte ho mostly cazzeggiato, soliti telefilm a getto, ho addirittura LAVORATO a ottobre (e si spiega l’insolita ondata di caldo del mese scorso, è colpa mia) , ho preso coscienza di aver ormai preso una decisione che modificherà drasticamente le mie future scelte di vita, inconsciamente l’avevo presa questa estate ma è diventata realtà a settembre/ottobre.Cos’é? Non ve lo dico. Tiè. Non lo saprete mai.
Tra le altre cose mi sono messo un po’ in discussione (questa la spiego dai), nel senso ho sempre pensato di essere perennemente dalla parte della ragione e che la colpa fosse sempre ed esclusivamente vostra. Per un attimo ho vacillato un po’ , nel senso “ma non può essere, magari è colpa mia, avrò fatto qualcosa” , salvo poi rinvenire dopo poco tempo e vedere che EFFETTIVAMENTE non ho torto e si torna alla mia amabile ragione di vita ossia IT’S NOT ME,IT’S YOU e tanti cari saluti a Lily Allen per la frase. E andate pure a fare in culo, tiè.

Ma veniamo a noi. Natale purtroppo si avvicina sempre più pericolosamente alle nostre porte. Non guardo più la tv, ma quelle rare volte che la accendo becco SEMPRE la pubblicità della Bauli che a mia memoria è SEMPRE la stessa da anni. Credo che non esista davvero niente, ma NIENTE di più brutto. E c’è ancora gente che mi chiede “nuuu 😦 ma xk???????!!!!!111!!!uno!!! JUSTIN BIEBER FOREVA”  . Miseria ladra BASTA, il periodo di natale MI STA SULLE PALLE, la pubblicità la odio perché è palesemente FALSA, voglio avere notizie dei bambini solo per sapere che fine hanno fatto e spero che sia stata una fine pessima viste le bestemmie che puntualmente mando dalla prima messa in onda, ossia dal 1860. Ed è A.C.  .
BASTA chiedermi ste cose, nella migliore delle ipotesi se continuate a farle vi spello vivi.
Anzi, visto che parliamo di natale, sentite. Vi piace tanto? Amate tanto fare regalini tutti pucciosi? Così vi sentite (VOI,mica io) più buoni? Bon, rendetevi utili.
Costa solo 15 sterline scarse, non vi chiedo manco tanto ché se proprio volevi rovinarvi vi chiedevo il maxi volumone Paradiso X/ Universo X/ Terra X , 2000 pagine di bellezza fumettistica e attualmente in vendita su ibs.it alla modica cifra di TROPPI EURI  (92,40 per la cronaca) . Con questa dai, sono 15 euro scarsi, checcazzo.

Due parole sui telefilm. The walking dead per due mesi è stata na porcata ma vista, una serie tv sugli zombie che però non si vedono praticamente MAI, al suo posto storie che vorrebbero essere strappalacrime ma che in realtà sono solo strappamaroni per la noia, ditemi voi che interesse potrei mai avere se la moglie di Cervo a primavera (il poliziotto che girava SEMPRE con la divisa da poliziotto per intenderci, nonostante il suo valore fosse praticamente pari alla divisa di pulcinella) è incinta. Del migliore amico di Cervo a primavera. Più che pensare “hai SEMPRE la stessa espressione addolorata anche quando sei felice, e per di più sei na zoccola”  non saprei cosa altro dire, cioè STICAZZI. Tuttavia abbiamo l’ultima puntata che non è decente ma addirittura PHEEGA, boom di zombie e sparatorie,tutti che sparano tutti e FINALMENTE CAZZO troviamo la figlia dispersa di quella rompipalle che (come avevo sempre pensato e attenzione SPOILER se non l’avete vista) E’  UNO ZOMBIE! E POI VIENE SPARATA DA CERVO A PRIMAVERA E MUORE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! MUORE!!!!!!!!!!! SIIIIIIIIIIII’ !!!!!!!!!!!!
Perdonatemi i troppi ! bimbominkiosi  ma la gioia è stata troppa. Tuttavia dopo una puntata così sti stronzi mò fanno pausa e tornano a metà febbraio. Che altro dire se non : MAMT.
Poi passiamo (e chiudo) alla novità telefilmica più pheega dell anno, ossia American Horror Story. Lo amo. Adoravo il non-sense-ma-davvero-non-sense delle prime puntate, figuriamoci mò che si capisce qualcosa della trama. Tra i preferiti salvo l’unica della famiglia cioè Violet, poi la crew di psicopatici Tate, Due Facce Che Non Ricordo Mai Come Cazzo Si Chiama ma SOPRATTUTTO  lei:

sposami

che amo a livelli mai visti.

Beh basta ,chiudo. Tornerò presto dai.
Ciao.

PS : notare la novità delle foto. Vi  piace?  Sì? No? Sti cazzi? Ditelo.

PPS: ma quante novità oh, sarà il natale, che vi devo dire.

PPPS: ah poi! Mi stavo dimenticando. Vorrei ringraziare quelli che in questi mesi hanno continuato a vedere il mio blog nonostante non avessi pubblicato un cazzo. Ditemi chi siete che vi bacio tutti (astenersi esponenti del genere maschile e vecchie cariatidi che l’ultima volta che hanno visto na mazza è stato durante le guerre puniche,tutte le altre sono ben accette. Se siete Milf posso anche in via del tutto eccezzzzzziunale scialare)

Saluti.

Sono quasi le due di notte,ma ho sentito il bisogno estremo di scrivere qualcosa.Per l’occasione,vorrei che i miei fantomatici quanto quasi inesistenti lettori vengano a conoscenza della mia personalissima idea di estate.

Estate in tenera età : é finita la scuola! Anche quest anno solo 8 e 9! Niente compiti tutti i giorni! Ok sì,lo so, però ho quelli estivi,ma posso rimandarli per due mesi e farli a settembre! Tanto tempo per giocare,anche se non mi alzo più alle 7 per andare a scuola,mi alzerò comunque presto perchè i cartoni li trasmettono solo in orari improponibili ma fa niente,sono contento perchè poi andrò al mare con la mia famiglia i cugini e gli zii,dove costruirò tanti castelli di sabbia che dureranno sì e no 5 minuti e poi crolleranno inesorabilmente dalle onde stronze o da piedi di ragazzini che corrono dietro a ragazzine (cosa ci troveranno mai in quelle,non si sa) o dai grandi che non mi vedono mai ma io ne costruirò subito un altro,poi starò tutto il tempo in acqua a giocare e divertirmi sul mio lettino! E le partite a biliardino,e quelle ai videogames,e quelle a ping pong,e anche se mi battono sempre fa niente,sono contento lo stesso!  Poi la sera si mangia insieme a casa dei nonni,dove giocheremo a nascondino con i cugini,io vengo perennemente sgamato e faccio sempre quello che deve cercare tutti e io odio farlo ma fa niente,io sono contento lo stesso perchè é estate! Vorrei che durasse tutto l anno,tre mesi sono sempre pochi!

Estate in non più tenera età : é finita pure per quest’anno! Che fatica minchia,però é andata dai. Inizio ad alzarmi un po’ più tardi,se si sapesse che guardo ancora i cartoni che figura ci faccio! Tuttavia sono costretto ad andare al mare con i miei,e sai che palle,se prima ingannavo il tempo a costruire castelli di sabbia adesso ho cambiato metodo:leggo libri. Non c’é più nessuno che distrugge o calpesta tutti i miei sforzi e sto comunque per conto mio.In acqua sono sempre sul lettino,anche se inizia a stancarmi gonfiarlo ogni volta ma vabbè.E sto lì steso come un pirla per ore,a guardare con praticamente zero discrezione quelle tizie tedesche che non mi calcolano per niente,se ne sono accorte che le fisso ma fanno finta di niente.Anzi,ora proprio parlano con il bagnino.Una agita pure il sedere -che improvvisamente sto iniziando ad apprezzare,é stata na cosa improvvisa,un’epifania.Prima non lo consideravo per niente,e ora PAM non si riesce a non fissarlo- . I miei tentativi di sembrare figo agli occhi di ste tizie sono miseramente falliti.Vedo loro due che ora corrono e il bagnino le insegue,correndo distrugge un castello di sabbia,e ho il deja vu di me in versione ancora più nanerottola di quanto lo sia adesso,con la stessa espressione di sconforto che avevo io anni fa,ed é la seconda epifania della giornata,ora capisco il perchè dei miei dubbi di qualche anno fa: il ragazzo insegue le ragazze unicamente per fissare senza essere sgamato i rispettivi culi,non può essere altrimenti.Gioco da solo ai videogames,per qualche minuto ho una misera soddisfazione almeno.Vorrei dire finalmente la giornata finisce,ma invece no,sono costretto a na serata con il parentado,dove non posso leggere perchè sarei maleducato,tanto meno giocare sennò sarei ridicolissimo.Estate.

Estate in età per niente tenera: fanculo é finita,cazzo l’ho scampata.Tre debiti ma sti cazzi,é estate!In questi tre mesi ci si spacca! Faccio colazione direttamente con il pranzo,vado al mare con gli amici e tentiamo di rimorchiare improbabili tizie,invitandole a giocare a pallavolo in acqua che magari ci scappa la toccata furba del culo di una tizia,non ho il tempo di leggere,la sera non ceno mai a casa,si va a ballare,mi ubriaco e rientro sfinito la mattina dopo alle 8,i miei li vedo a malapena a pranzo/cena/eventi parenteliari da cui non si può scappare però oh,se uno ste cose non le fa mò,quando le fa!? In estate!

Estate in vecchia età (aka my own summer) : é finito l inverno.Checcazzo,ora mi tocca sopportare sti tre mesi.Mi alzo in orari a volte decenti,a volte no,vado al mare con i miei perchè di frequentare spiagge con truzzi locali non ce la posso fare,davvero.Porto sempre con me scorte di libri (se ripenso che fino a qualche anno fa c’era una mia versione che andava tranquillamente in giro e NON LEGGEVA,cazzo che vergogna) ,mi isolo totalmente da quello che ho attorno anche se tanto non c’é granchè.Una spiaggia libera popolata solo da me,i miei e due famiglie di inglesi in vacanza,che io adoro perchè totalmente silenziosi e discreti.Non ho perso la mia voglia di buttarmi in acqua e stare totalmente steso,senza far niente,ma ho perso il mio lettino.Nel senso che mi scocciava troppo stare a gonfiarlo ogni volta,quindi é volato dritto dritto nel dimenticatoio.Dicevo,mi stendo in acqua e faccio il morto,e sarei capace di stare lì per ore,senza aver nessuno intorno,nel silenzio più totale (anche perchè ho le orecchie immerse,quindi che dovrei sentire non si sa ) se non fosse che ogni tanto dovrei uscire causa fame e mancanza ossessiva dal leggere libri.Chiaramente non ho voglia di giocare a niente,personalmente ucciderei a mani nude chi gioca a racchettoni,quindi ho già detto tutto.Tornato a casa torno a leggere,vedere film o in rari casi esco solo per vedere quelle pochissime persone con cui ho ancora il piacere di uscire,far due chiacchiere e (nella stragrande maggioranza dei casi) ascoltarle,perchè a quanto pare é l’unica cosa che so fare seriamente e davvero bene.La chiamano estate,io la chiamo strazio e tortura personale.

Ulteriori considerazioni.

Non ho mai capito il perchè dell’idea ormai totalmente comune,condivisa da tutti secondo la quale in estate uno si senta totalmente in diritto di fare le cose più folli.E di mostrarsi sempre,perennemente felice.Di ridere,scherzare,fare cazzate,sentirsi felici,conoscere gente,innamorarsi.Che tristezza,sapere di avere non solo tre mesi,ma l’intera esistenza per farlo,e ridursi a compiere tutte ste cose in un periodo di tempo tanto breve quanto inutile.Che poi,parliamone.

“Quest’estate mi spacco,la sconvolgo!” non é altro che una frase che racchiude una ripetizione di eventi totalmente (per la maggior parte delle persone,che non se ne accorge) insignificanti e quotidiani,come appunto ridere,scherzare,essere felici,ecc ecc,solo che in estate improvvisamente si rendono conto che questi momenti ESISTONO.Prima dell’estate é una vita piatta,monotona,poi improvvisamente PAM e la voglia di estate esplode. PERCHE’.

Perchè non fare in modo che sia sempre così,rendersi conto che abbiamo già tutto questo,e non estremizzare tutto quanto? Non so se sono stato chiaro.Noi umani siamo stupidi,abbiamo così tanto tra le mani,solo che ce ne accorgiamo a giugno,e a settembre ci scordiamo tutto quanto.Non c’é più voglia di ridere,fare cazzate,di botto diventano tutti tristi.Io sta cosa non l’ho mai capita, e credo che non la capirò mai. (piccola parentesi,che poi insomma,parliamone.possono essere diverse tra loro,ma tutte le estati sono simili.ci si ubriaca,si va a feste allucinanti,si conosce gente nuova,e alla fine lo si fa solo per sentirsi meno soli.é come se improvvisamente d’estate uno deve necessariamente circondarsi di gente sennò sta male,e non capisce che é tutta na finzione,un trovarsi insieme totalmente ipocrita e senza significato.avere relazioni umane di questo tipo é inutile,insensato e stupido)

Personalmente,io vorrei fosse sempre inverno.Non avere la fisima di uscire per forza,stare per forza con gente nuova,stare per forza con gente attorno in generale,non dover per forza trovare qualcosa di divertente da fare.Amo i mesi invernali perchè sono quelli in cui mi sento più libero,si può stare tranquillamente a casa se fa troppo freddo e non vedere nessuno,oppure rintanarsi in qualche locale unicamente con le amicizie più strette,accontentarsi di quello che uno ha (ed é tanto,le vere amicizie ormai sono sottovalutate) e non avere sto peso morto attaccato al collo che si fa chiamare estate che mi stressa.

Tuttavia ormai é finita,possiamo dirlo,abbiamo cantato la messa al morto.Pace all’anima sua,e speriamo torni il più lentamente possibile.

Amen.

Update delle 12.12 : sono stato indeciso fino all ultimo se pubblicare sta roba oppure no,alla fine mi son detto “massì,sti cazzi” per cui eccoci qua.Perdonatemi se dovessero esserci errori grammaticali vari o pensieri totalmente sconnessi,ho cercato di essere il più chiaro possibile,per quanto dare una certa logica ai miei pensieri illogici possa essere effettivamente un’impresa.Ho scritto tutto di getto (e credo che si veda) in modalità super scazzosa,era na cosa che dovevo fare prima o poi.Non temete miei fantomatici lettori,tornerò a scrivere cazzate a breve.Spero di non essere risultato troppo ridicolo o patetico,se così fosse beh oh che pretendete,perdonatemi,non sono uno scrittore.

Addii.

S F O R T U N A

Saluti ai miei affezzzzzzzzzzzionati lettori.

Perdonate la latitanza,ma nell’arco di tempo trascorso dal mio ultimo post non é successo praticamente un cazzo.Quindi,che dovevo scrivere? Niente,indeed.Forse avrei potuto dire che ho speso tutto questo tempo a vedere film e leggere libri,e che quindi ho preferito infinitamente la loro compagnia invece della razza umana,ma credo che una volta detto questo non avrei avuto altro da dire,quindi ciccia.

Ma eccomi qui invece a raccontarvi in modalità bizzoca ON tutti i dettagli del mio ultimo weekend,una terrificante due giorni in terra nordica. Augh.

Venerdì 22 : presenti io,Chiara,Chiara e Eliana si va a Bari e si attende la partenza del nostro treno direzione Venezia Mestre.Nell’attesa per cena ci spariamo na pseudo pizza al gusto gomma,incontriamo il sosia di Luca Laurenti e dopodichè ci buttiamo nel nostro vagone.Io con orrore ho la terribile notizia che ChiaraL. si era scordata di portare le scorte di rum&coca e vodkaLemon per il viaggio (unicamente per poter favorire il sonno,che vi credete) quindi nella mia testa l unico pensiero che mi é passato é stato “Emmò io come cazzo faccio a dormire,che ho il collo incriccato,i piedi di Chiara alla mia sinistra,i piedi dell’altra Chiara alla mia destra,non ho bevuto un cazzo,sto treno fa un casino della madonna,e non dormirò mai?”  e tra l’altro sul sedile a fianco al mio c’era un inquietante punkabbestia CINQUANTENNE -ho detto tutto. Infatti avrò dormito credo giusto qualche ora,nei miei lunghi attimi di non-sonno ho notato un tizio credo vestito da boy scout che é stato qualche minuto a fissare la nostra cabina,io l’ho guardato alla “machecazzvù” e se n’é andato.Salvo poi presentarsi di nuovo un tizio pelato inquietante che dopo un po’ ha fatto la stessa cosa per qualche minuto,io ho avuto di nuovo il machecazzvù-look e niente.Con molta,molta,molta fatica finalmente é arrivato…

Sabato 23 : sbarchiamo a Mestre alle 6.45,attendiamo l’apertura di un bar di fronte la stazione (che tra l’altro per un cappuccino+cornetto+caffè ho pagato QUATTRO EURAZZI E CINQUANTA CRIBBIO) stazioniamo su un tavolino per un’oretta,ci appropriamo dei bagni alla barbona’s way e dopodichè ci buttiamo su un parco nelle vicinanze del bar. Verso le 9 ideona di Chiara L. : birrozza.Partono le prime di una luuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuunga serie di birrozze da 66 della giornata (tra l’altro,le prendiamo in un supermercato dove per motivi davvero ignoti,la gente vi entrava e usciva CORRENDO,ma vi dico tutti,boh,non so davvero perchè.Fatto sta che Chiara L.ed Eliana hanno fatto per coerenza e rispetto per le tradizioni locali la stessa cosa) in tutta allegria.Verso le 10 torniamo in stazione per prendere il treno verso Codroipo,una volta arrivato lì adottiamo un tizio che era venuto da solo a vedere il concerto e manco a farlo apposta era di Bari,tramite Chiara L. che conosceva il cantante dei FineBeforeYouCame abbiamo la notizia che causa maltempo il concerto saltava,si smadonna in maniera terrificante e per ovviare al dolore del momento partono altre birrozze da 66.Ci buttiamo subito dopo prima in un bar per prendere uno spritz che spritz non era (cioè,a Codroipo lo spritz é vino annacquato.Giuro.Un cagatone epico)e a seguire nell unico punto di Codroipo dove c’erano accertate presenze umane,cioè alla Coop dove partono una serie di geniali foto senza senso,buttiamo le nostre birre avanzate e quelle da comprare nel reparto GELATI per rinfrescarle un po’ .Usciamo e ci rendiamo che FORSE a causa di tutte le bestemmie tirate in due ore FORSE a qualcuno saranno fischiate UN PO ‘ le orecchie,perchè improvvisamente il cielo si apre e inizia a fare un caldo della madonna.Quindi prendiamo il bus navetta in direzione Villa Manin ,ci rendiamo conto che tenteranno di fare il concerto e ci buttiamo nel parco di fronte a quello dei palchi (quello della foto che ho messo su fb per intenderci) dove io dormo beatamente,poi mi sveglio perchè avevo na fame atroce (a pranzo ci siamo fatti uno snickers gelato a testa dalla coop),quindi corro a prendere un paio di tramezzini ottimi. Come esco dal bar becco Eliana con un bicchiere di unicum che mi fa “Oh non mi va più,se lo vuoi te lo regalo” io per educazione non rifiuto mai chiaramente,quindi accompagno i tramezzini con sta roba.Entriamo nella zona palchi a scrocco (da badass proprio) ,pascoliamo un po’ e tempo 5 minuti arrivano birre da 50. Incontriamo Jacopo dei FineBeforeYouCame (gentilissimo) da cui prendiamo qualche maglietta,io tra l’altro pascolo in giro in cerca di altre t-shirt,con Chiara L. vado sotto il palco a sentire i Pan del Diavolo (bellobellobello davvero) ,intorno becco un tizio che a piedi scalzi sgambettava in una pozzanghera uber fangosa,io perplesso mi rendo conto che inizia a piovigginare e dico “Oh Chià,mi sa che tra un po’ qua piove” ,diamo le spalle al palco ed effettivamente notiamo che il cielo é UBERNERISSIMO IN MANIERA TERRIFICANTE,ci buttiamo sotto il porticato zona merchandising dei FBYC e tempo 5 minuti arriva uno degli acquazzoni più atroci di sempre,na cascata di acqua continua per più di un’ora.Erano circa le 20,concerto annullato,birre,vino e bestemmie a getto,per ovviare all’incazzatura generale esce il cantante dei Tre Allegri Ragazzi Morti che con na chitarra in mano fa un mezzo (oddio mezzo,non finiva più) concerto acustico. Alla fine l’idea é stata carina,se non fosse che invece di aspettare che lui finisse fa la stessa identica cosa quello stronzo di Vasco Brondi ,cantando la stessa e UNICA canzone per mezz’ora.Terrificante. Poi a seguire fanno la stessa cosa gli Zen Circus (cioè,almeno quello) .Purtroppo non si sono esibiti gli Aucan e i One Dimensional Man,ho beccato il batterista del Teatro degli Orrori ma purtroppo non Pierpaolo Capovilla,che varie fonti hanno affermato che era presente ma in terribilissimo stato alcoolico,e la cosa non può che farmi incazzare ancora di più.A fine evento aiutiamo Jacopo dei FBYC a caricare la sua roba in macchina,e grazie a lui entriamo in una specie di locale riservato solo agli addetti ai lavori e ai gruppi del concerto,io ho ancora la tessera di sto club che sicuramente non userò MAI PIU’ ,incontro a 3 cm TUTTI i vari gruppi,ribecco il batterista del TDO e di nuovo quello stronzo di Brondi,partono ancora una serie di vodkaLemon,io con le mie compagne di viaggio ci buttiamo su na specie di pouf ,io poi ero in stato confusionale atroce che mi ero ipnotizzato a vedere na roba psichedelica proiettata su un muro.Verso le 3 salutiamo Jacopo e gli altri che ci aveva accompagnato alla stazione,ci buttiamo per terra da veri barboni con altri ragazzi e crollo per terra steso con un telo mare.Io ero vicino a Chiara L. ,sarà stata per la stanchezza e per le varie cose bevute in giornata,fatto sta che non sentiamo il freddo e si dorme beatamente per un’oretta e mezzo credo.Poi mi sveglio causa freddo allucinante.Giuro,é stata na roba assurda,dio koala che freddo.Non si dorme più,tra altra gente che aveva preso carte non so dove e aveva creato un mini falò per l’occasione,quindi arrivano le 5.20 e prendiamo il primo treno per Venezia.Non ero ubriachissimo proprio da star male,il giusto (…nsomma) ,fatto sta che la giornata verrà ricordata come quella in cui ho bevuto di più per un lasso di tempo enorme,davvero,non si faceva altro.WEWEREAWESOME.

Domenica 24 : come detto,saltiamo sul treno ma senza biglietto.Il controllore dopo averci chiamato (pare per na ventina di volte) forse impietosito per le nostre condizioni ci fa il biglietto senza tanti problemi. Alle 7.20 sbarchiamo a Venezia,dove becchiamo pioggia e un freddo inimmaginabile,io nella mia amatissima felpazza invernale e Chiara L. con una coperta fregata da un volo Alitalia usata a mò di poncho. Andiamo a far colazione in un posto chiamato BREK (mai nome più orrido) ,anche qua barboneggiamo con i bagni,poi ci incamminiamo a piedi verso piazza s. marco,che era lontana tipo chilometri e ci mettiamo non so quanto tempo visto che le stradine erano TUTTE,TUTTE,TUTTE uguali. Verso le 11.30 credo arriviamo ,becchiamo i soliti stramaledetti piccioni che prendono il volo a 3 mm dalla mia testa,e per non fare di nuovo tutti quei millemila chilometri decidiamo di prendere il bus navetta. Sul tabellone segnava tipo un biglietto 1.20 euro,Chià va dalla biglietteria e questa é stata la scena:

Chiara – Quattro biglietti!

Tizia dei biglietti – Va bene,allora…4 biglietti,4 biglietti…26 euro e 80.

C. *sulla faccia si vedeva che stava pensando,ma 4×1.20 fa 4.80,non 26.80 D: -Ma,ma,ma io ti ho detto solo 4 biglietti! Sono quattro,no?!

TDB – Sì! Viene 26.80.

C – MA PERCHE’ ?! Non sono 1.20??

TDB -No quella é la tariffa per i venesiani,per i turisti vien 6.50 a biglietto.

C *dando all’istante le spalle alla TDB* – Seeeeeeeh vabbù costa troppo,non lo prendo.Vado a piedi,ciao.

Cioè,MACHECCAZZO NA CORSA DI BUS 6.50 EURO? STI LADRI DEL CAZZO.Torniamo al Brek (quindi altri millemila km a piedi) e per strada incontriamo Massimo Lopez che ci saluta agitando la manina,verso le 14 ci buttiamo nella stazione barboneggiando e giocando a carte,e alle 16.30 arriva l’idea del secolo: ci siamo rotti di stare qua,perchè non andare a Padova a sfondarci di Spritz? E così fu. Verso le 17.30 sbarchiamo in piazza delle erbe,ci buttiamo su un tavolino di un locale e partono una serie di spritz.Non so perchè e percome,ma gli spritz nordici sono millemila volte più buoni di quelli locali,davvero,sono partiti e liquidati tutti in 2 minuti. Dopo aver preso anche dei vari tramezzini fantastici verso le 20 torniamo in stazione tutti e quattro già in stato geniale. Improvvisamente parte la sigla di Pingu e scenette varie dei video sottotitolati (io tipo stavo morendo,vabbè) poi ChiaraL. con Eliana vanno a prendere un paio di bottiglie di acqua che per il viaggio eravamo a secco. Idea giustissima,solo che Chiara si é ritirata ANCHE con 4 cicchetti di sambuca,e ovviamente come finiva un giro subito ne ripartiva un altro.Abbiamo fatto un casino della madonna,un paio di vecchie ci hanno guardati sconvolte. Testimonianza di ChiaraL. il mattino dopo : madò non abbiamo fatto niente di illegale,ma se fossi stata un poliziotto io mi sarei arrestata,davvero. Giusto per rendere l’idea dello stato assurdo in cui eravamo tutti.Alle 22.30 saliamo sul nostro treno,pensando “nel vagone nostro ci buttiamo solo noi 4,fanculo tutti pure il controllore ” se non fosse che nel vagone nostro era già seduta na coppia di cariatidi ottantenni reduci dalle guerre puniche che con enorme sfiga scopriamo essere di TRANI,quindi siamo stati costretti a fare quasi la totalità del viaggio con loro. Addio sogni di gloria. Mangiamo l’unica cosa che era rimasta da mangiare,cioè i miei taralli,e dopo un po’ Chiara tornando dal corridoio mi dice: Oh Bè,porta i taralli che li facciamo assaggiare a un tizio che ha delle birre. Mancava giusto quello come ciliegina sulla torta. Verso mezzanotte credo torniamo nel nostro vagone e qui finalmente SI DORME PER ORE,cioè fino alle 7 di…

Lunedì 25 : dove sbarchiamo finalmente a Monopoli e torniamo a casa. Io per tutta la giornata non riesco a prendere sonno ed ero nella felice condizione di simil ubriachezza,cioè testa leggera ma senza il post sbronza,cioè il massimo.Mi rilasso finalmente verso le 22,ascolto i Mogwai e crollo di sonno un’oretta dopo.

Questa é stata la due giorni di barbonaggio olimpico in terra nordica.

E nient’altro,appena avrò altro da dire aggiorno di nuovo.

Addii.

Avrei dovuto aggiornare da tempo,lo so.Diciamo che non c’é stato tempo e soprattutto voglia di farlo.Però lo sto facendo adesso,quindi champagne.

 

Saluti a tutti.Se qualcuno si fosse chiesto cosa fosse successo dal 30 aprile fino adesso,ecco un breve riassunto.

-Il giorno dopo non dovevo esserci ma in realtà sono andato al 1 maggio e mi sono divertito in maniera ignobile (dicono abbia contribuito notevolmente quel litrozzo e mezzo di vino,ma sono solo malelingue) ,non pensavo mica.

-i giorni sono passati quasi tutti nella stessa maniera,cioè uguali

-e per una serie di merdosissimi eventi ho preso per ora la decisione di staccare dalla vita romana per almeno sti mesi estivi,ebbene sì.Ci sono una lunga serie di motivi che solo una selezionatissima lista di persone sa per bene,voi altri limitatevi a sapere questo: mi mancavano i miei,i miei amici stretti e l’aria di Putignano City (New Jersey) ,come mi sembrò altamente giusto diversi mesi fa decidere di punto in bianco di andarmene,adesso mi é sembrato altrettanto giusto staccare e rientrare in patria.Sarò incosciente io come al solito,ma trovo una certa bellezza nel dire “non so cosa farò,se starò qui,se torno a roma o vado altrove”,insomma per ora mi godo sti mesi di lontananza dal tram tram romano e mi rilasso.

Breve sunto di questa prima parentesi di vita fuori casa: sono stati mesi vissuti.Ci sono state giornate incredibilmente belle quanto altre indicibilmente assurde,ho conosciuto lati della mente umana che non pensavo potessero esistere,ho imparato che le persone sono davvero strane e che una volta di più devo far affidamento solo su me stesso.Ma tant’é,alla fine sono anche contento che sia andata così dai.Ho finalmente imparato anche a fare finalmente quello che voglio io,senza pensarci più di tanto.Mi va di fare na cosa? Bam,la faccio e vaffanculo alle conseguenze,finalmente non penso più al “magari dò fastidio”.Per quanto riguarda i rapporti lavorativi,ancora na volta ho notato che dovunque vado riesco a farmi benvolere senza un particolare motivo,non so quante persone mi hanno offerto caffè/cornetti/cagate alla macchinetta,uno su tutti quello che poi sarebbe diventato un amico nonchè maestro di vita MARIO,io gli darei il premio al lavoro,nel senso che meno ne fa meglio é.Ecco un paio di suoi insegnamenti per non pagare al ristorante:

-Allora,senti Bè,te vuoi annà al ristorante però non pagà n’cazzo? Fai così:io na volta con dei miei amici annammo a na parte qua fuori Roma,ordinammo delle bottiglie di vino,e pe non pagalle dicevamo sta cosa al cameriere “oh ma sta bottiglia sa di tappo”,quindi quella ssàà riportavano ‘ndietro e noi a bere a scrocco

-Oppure,quanno te ordini na bottiglia,te la intaschi sotto al tavolo,dici al proprietario “sì ma le bottiglie non sono mai arrivate”,non esagerà però che sta cosa va bbbene sono per 4-5 bottiglie

-N’altra volta eravamo in gruppo a Capri,in un risorantino all’aperto no,Bè,e quindi ordiniamo na quantità schifosa di cibo e vino,allora pe non pagare invitammo al tavolo nostro altra gggente che non conoscevamo e je dicevamo “ahò venite tanto paga lui” indicanno n’amico nostro,poi dopo che s’era magnato tutti uno alla volta io e l’amici mia ce ne andavamo,chi al bagno chi al telefono tutti via,e alla fine erano costretti a pagà llloro!

Io l’ultima cosa voglio provarla assolutamente,io Mario lo amo profondamente.Per il resto,mi sono goduto amabilmente i miei (per ora) ultimi giorni romani,ho trovato piacevole qualsiasi cosa,dal freddo mattutino delle 8 che accarezzava le mie gambe secche,alla passeggiata al parco e i CRIC CRAC della ghiaia,i bambini che mi salutavano (altra cosa,dovunque vado i bambini mi salutano e si mettono a giocare con me.Probabilmente devono aver capito che di fronte hanno un loro simile) ,l’anziana che tentava di fare colpo su di me,beh,ho trovato piacevole anche quella.L’unica cosa che proprio non ce l’ho fatta a farmela piacere,la puzza di marcio nei mezzi.

Porcaputtana.

Ma na puzza indicibile oh,non solo gli zingari che poracci non si possono lavare,ma TUTTI proprio,anche gente distinta.Na volta ho trovato un anziano,per la puzza di marcio ero convinto che gli zombie fossero venuti a trovarci finalmente.

Per il resto niente di che,purtroppo non ho incontrato altra gente mediamente famosa e trash,mi sono limitato a guardare la cabina telefonica con il capoccione squadrato che in teoria dovrebbe assomigliare al papa.Una delle cagate più grosse che abbia mai visto,ma con che coraggio hanno finanziato sta cosa e l’hanno messa davanti Termini non si sa.

Ah poi! Finora ho menzionato le cose brutte.Di sti mesi ho amato alla follia i caffè del sabato al solito bar di via Nazionale con Giovanna,mi mancano già tanto (t’ho citato pubblicamente,apprezza.E mi manca anche il tizio con il sigaro) .

E niente,ora sono qua.Sto mangiando amabilmente tutto quello che mi sono perso in sti mesi (ovvero mozzarelle provole scamorze e quant’altro),credo di essermi intascato millemila chili addosso ma sti cazzen.A quanto pare la vita qua é sempre la stessa,anche i vicini del piano di sopra sono sempre gli stessi,tant’é che proprio stamattina al piccolo neanderthal che urlava senza motivo nelle scale la madre ha così risposto tutta dolce:

“Meh a mamma,senti un po’ , mò io apro la porta dell’ascensore,tu mettici la lingua in mezzo,così io poi chiudo la porta e la schiaccio,va bene,a mamma? ”

Bentornato a casa.

Alla prossima.

Mbah

LLLLLo so,dovrei aggiornare più spesso,o comunque avrei dovuto farlo già da tempo.

Uagnù,non ho tempo.

Mi é venuta voglia oggi sabato 30 aprile -cioè tipo dopo un mese esatto dal mio ultimo post- ,che qui a RRRRome c’é un atrocissimo tempo di mierda.Speriamo domani ci sia bel tempo và.No mica per il concertone a S.Giovanni,domani tutti alla beatificazione di Wojtyla.

Per il resto,che dire di questo mese.Direi niente di particolare,il tempo passa atrocemente e olè.Tra situazioni atroci e assurde,persone che deludono,altre che ti sono vicine,altre che non si fanno i cazzi loro,altre che menomale che ci sono,andiamo avanti e per fortuna anche io faccio lo stesso.

Tuttavia non voglio parlare di ste cose,cambiamo discorso e andiamo a raccontare il mio ultimo weekend,ossia 5 giorni in patria.

Giovedì 21 : sveglia alle 6,colazione,ricontrollo la valigia e si corre alla stazione Tiburtina,alle 7.10 sono lì,faccio chiacchiere con gente varia che scendeva giù (tra cui due tizie di Alberobello che molto probabilmente non vedrò mai più) e si parte,7 terrificanti ore di viaggio trascorse ad ascoltare musica,leggere Compagno di sbronze del buon Charles B. prestato dal mio collega Mario e a vedere qualche telefilm sul mio pc.Arrivo verso le 14.15 in patria,si vola a casa dove mi attendono mirabili distese di teglie strapiene di PANZEROTTI e io a momenti svenivo.Pomeriggio passato beatamente a non fare un cazzo come i bei tempi,in serata i miei si lanciano e preparano la pizza ,dopodichè esco e mi vedo con gli altri,serata tranzolla passata un po’ in giro,chiacchiere chiacchiere chiacchiere -e mi mancava tanto.

Venerdì 22 : mi sveglio allegramente alle 11,mi doccio,cazzeggio,cazzeggio,cazzeggio -quanto mi mancava-, verso le 18.30 mi vedo con Pintò,si vola a Castellana Grotte (Texas) dove ci incontriamo con Chià.Quanto mi mancavano le uscite con Chiara non si sa.Poi ci raggiunge Ivano,andiamo a farci un aperitivo (negroni),chiacchiere,le salutiamo,torniamo a Putignano,secondo aperitivo al Fleur (negroni),chiacchiere,andiamo al Bar Roma,terzo aperitivo (americano),ci raggiunge Fede e andiamo a cenare a Cicirinella (vino bianco),onestissima cena a base di pesce.Amabili quelli fritti e io su tutto e tutti.

Sabato 23 : mi sveglio di nuovo in tutta calma,vado a pranzo a casa di mia nonna dove mi attende quella gran gnocca di mia cugina,un annetto e mezzo ma già apprezza le cose belle della vita -cioè me ndr. – e siamo stati tutto il pomeriggio a giocare.Dopodichè esco,decido di andare a salutare il mio ex datore di lavoro,il cui padre appena mi vede la prima cosa che mi dice é stata “Apperò,siamo ingrassati eh” e io ” D: “. Piccola parentesi :non me la voglio cantar da solo,visto che lo scorso anno a lavoro non ho davvero fatto niente di che,io che di solito odio la gente in generale,dico che per me é tutta ingrata no? beh,mi ha fatto un effetto strano incontrare parecchia gente che mi fermava,si ricordava di me e mi chiedeva ” Oì,é da tanto che non ti vedo,ma quand’è che torni da Saverio?” . Cioè,non ho fatto quasi un cazzo ma la gente si ricorda ed é riconoscente,boh sarò io che da asociale ste cose mi stupiscono enormemente e magari é solo routine,però mi ha fatto un effetto strano.In serata poi cena a casa (focaccia **,ndr.) poi Fede mi passa a prendere verso le 23 e si vola a Monopoli dove ci aspettano Ivanino e Vanni,serata abbastanza tranzolla.Colazione verso le 3 credo al bar pace in località Noci (Wisconsin),ossia onesto panino da 7,80 kg al salame.

Pasqua,amen : tipica giornata e pranzo con il parentado,pomeriggio di relax,in serata mi becco con gli altri al Giglionero,dove praticamente li saluto.Quest’anno purtroppo niente pasquetta alcoolica e distruttiva con loro perchè il giorno dopo rientravo qua.Presa a male enorme poichè non mi andava proprio di andarmene e salutarli.

Pasquetta,meh : giornata con il parentado,passato tutto il giorno con mia cugina (che tra l’altro non me la ricordavo mica così vivace,vabbè) poi in serata mi tocca fare la valigia.Giuro che ho passato sti giorni pensando “però se non faccio davvero niente mi annoio,quindi il tempo non passa,quindi mi sembrerà di stare di più qui” invece il cazzo sono volati lo stesso.Giuro che mi manca un po’,quella sensazione di sicurezza che l’aria di paese può dare.Però giusto un po’ eh,non tanto.

Martedì 26 : sveglia alle 6.30,il bus arriva alle 7.40 e mortacci era già strapieno,invece di arrivare alle 14 causa traffico immane di auto nei pressi di Roma arrivo solamente alle 15.45,ressa per prendere la valigia,prendo i mezzi e finalmente alle 16.30 I’m home.Mai più viaggi con la Marozzi,mamm.

Infatti il giorno stesso decido di prendere il biglietto aereo per il weekend del 2 giugno (che ricordo,é festa nazionale causa mio compleanno) e trovo andata a 8 euro e ritorno a 14 euro.Alla fine della prenotazione esce un errore,io mi dico “vabbè sarà un errore del sito,mò arriva la mail di conferma e voilà”. Invece non arriva niente.Il giorno dopo idem,controllo per curiosità i prezzi e sono drammaticamente abbassati,5 euro andata/ 11 euro ritorno.Il giorno dopo ancora non arriva nessuna mail,chiamo l’esperta del settore (mia cugina Anna ndr.) la quale afferma con convinzione che non essendo mai arrivata la mail di conferma (che é immediata) e non essendo stati manco toccati i $ la prenotazione non é stata mai fatta,quindi con lei al telefono che mi segue passo passo rifaccio il tutto.E nella disgrazia ho culo,in quanto all’andata c’erano 2 posti disponibili e pur di mollarli Ryanair li mollava a 1 CENTESIMO e quello di ritorno solo 4 posti disponibili a 7 euro.Checculo uagnù.Quindi dal 1/06 al 5/06 sarò in patria,grandi festeggiamenti -cioè un caffè ristretto e misero per tutti,che vi credete.

Meh per ora non c’é altro.

Stay well.