Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2011

Ciao.

Vediamo di aggiornare un po’ sto blog và.Credo che inizierò subito parlando della mia sempre più disperata situazione con quelli del piano di sopra.

La cosa qua é veramente drammatica.Io non ne posso più.I nani maledetti dimmerda qua piangono in continuazione.Ma SEMPRE,TUTTO IL GIORNO.E NON E’ POSSIBILE.Ma poi non é che si limitano a piangere e basta,no,lo fanno in maniera disperata proprio,letteralmente per ORE,e la cosa disarmante é che i genitori li IGNORANO TOTALMENTE.Non é che cercano di calmarli,o di zittirli,o di spaccargli na sedia sul naso…li tramortisci,ok,ma almeno poi stanno zitti.NO: li lasciano al loro triste destino.Che poi ricade anche su di me visto che la mia stanza é esattamente sotto la loro.

Episodio drammaticissimo qualche notte fa.Io avevo già puntato la sveglia verso le 6.30 (solitamente la punto verso le 7,ndr.) che in mattinata era previsto lo sciopero dei mezzi,quindi alla fine avevo preventivato di svegliarmi un po’ prima.Ma non avevo decisamente considerato di svegliarmi invece alle 4.30 dico QUATTRO E MEZZA perchè in quest’ora sto stronzetto aveva deciso per motivi tutti suoi di piangere e disperarsi SGUAIATAMENTE.E non é che si é limitato giusto na decina di minuti,NO: é stato a lamentarsi e ad urlare FINO ALLE SEI e se qualcuno si chiede “vabbè,ma i genitori?” la risposta é  : DORMIVANO BEATAMENTE E IN PIU’ L’HANNO ATROCEMENTE IGNORATO.

Cioè,ma come cazzo si fa! Hai un figlio che rompe le palle alle 4.30 fino alle 6 e lo lasci così? E che poi soprattutto sveglia ME? Ma boh,io non lo so.Chiaramente non ho dormito un cazzo poi,tutta na tirata e vaffanculo.Quando rientro poi da lavoro nel pomeriggio mi dico “Mah quasi quasi mi butto sul letto,leggo un po’ così mi viene sonno e recupero”.

IL CAZZO! Tempo 10 minuti esatti che sono sul letto e sto cagacazzo attacca di nuovo a piangere.

lui: Waaaaaaaaaaaaaa!

*ignorato,riattacca* : Waaaaaaaaaaaa!

*essendo ancora ignorato,insiste* : WAAAAAAAAAAA.

*insiste con nonchalance proprio lo stronzo e si lancia per il rush finale* : WAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!! ç____ç!!!!! AAAAAHIAAAAAAAA!!

Al che a sto punto la madre sbotta proprio e parte un commovente:

AHIA UN CAZZO! PORCODDIO VAFFANCULO VA’ !

Finalmente e anche chiaramente dopo sta perla tace.Chiaramente non ho più dormito.

Ma poi,credo che abbia anche un qualche tipo di disturbo bipolare,che poco fa é entrato il padre ed é esploso con un: AAAAAH,PAAAAAPIIII! per poi ritornare a piangere 10 secondi dopo.Atrocemente insopportabile.

Breve aggiornamento,la vecchiazza che si é lanciata l’altra volta la becco ogni tanto e ci salutiamo ormai come amici di vecchia data.Per il resto niente di che,tranne sta cosa.

Sarò io che sono particolarmente sfigato,o che attiro gente del genere,non lo so,ma sul secondo bus che prendo per rientrare a casa becco SOLO gente strana.Ma davvero eh,mi guardo intorno e vedo facce strane,capelli sconvolti,espressioni stralunate che spesso mi fanno pensare “Oddio ma dove sono capitato” perchè se decido di voltarmi dall’altra parte becco sempre e SOLO altra gente allucinante e allucinata.Almeno na cosa buona sta cosa la fa,sono botte di autostima enormi perchè mi dico “Ammazza ma qua sono il più bello e il meglio tra tutti olè olè” .Che detto da me poi magari é davvero tutto dire e vi lascio immaginare che personaggi becco,di solito il più normale parla da solo.

Meh mi son rotto di scrivere,basta và.Alla prossima.

 

 

 

Read Full Post »

This charming man

Il solito saluto ai miei soliti lettori.

Oggi domenica 06/02/2011 mi sento particolarmente di buon umore,quindi aggiorniamo.Sarà che ho iniziato la giornata comprando da quella che molto probabilmente sarà la mia libreria preferita,ossia Borri Books a Termini,Pulp del mio Bukowski e Rabbia del caro e buon Palahniuk,sarà che oggi qua a Roma é stata una giornata splendida e sembrava di essere in piena primavera,ma mi sento particolarmente di buon umore -evento atroce- quindi aggiorniamo.

Vi dirò.La mia vita romana qua per ora procede benissimo,più si va avanti meno mi manca la tristezza locale di Putignano.Non so come spiegarlo,ma é una sensazione atrocemente amabile.

Tuttavia cambiamo zona ma la situazione purtroppo é sempre la stessa.Mi spiego.

Sono partito lasciando con estrema gioia i terribili piccoli rompipalle del piano di sopra che mi hanno letteralmente rovinato negli ultimi 4 anni.

Ebbene.

Arrivato qua devo purtroppo constatare che anche qui al piano di sopra ho beccato UNA FAMIGLIA GIOVANE CON ALTRETTANTO GIOVANE PROLE DI NANI MALEDETTI E ROMPIPALLE,CHE CORRE E URLA PER CASA.

Non é possibile.Veramente ehi,non si può.Ma il tono di voce di sti piccoli cagacazzo é praticamente UGUALE a quello del piccolo neanderthal di Putignano,é allucinante.In più c’é da dire che anche qua i miei tentativi di fare colpo sulle Milf romane falliscono amabilmente e tanto per cambiare becco le vecchiazze che o alla fermata del bus o anche per strada mi fanno i sorrisini.Cioè,questa é sfiga.

In più vi racconto un paio di vicende romane -visto che per ora abbiamo felicemente abbandonato quelle locali.

Giovedì 27 si va a un multisala vicino Termini a vedere Vallanzasca -che tra l’altro mi é piaciuto parecchio ndr. Alle 22.30 finisce,si cena velocemente al Mc e poi si rientra a casa.Ricordavo che dalle 21.30 in poi il servizio tram -cioè quello che mi porta quasi vicino casa- veniva sospeso e al suo posto c’era il bus,quindi mi metto come un pirla ad aspettarlo vicino alla fermata per un quarto d’ora.Dopo un po’ mi accorgo con estrema gioia che in realtà il tram C’ERA quindi corro letteralmente a prenderlo con uno scatto da fare invidia a qualsiasi atleta olimpionico e con molto culo ce la faccio.Ricordavo che una volta giunto alla mia fermata passava comunque il bus che mi avrebbe portato quasi sotto casa,ma una volta arrivato là verso le 23.30 dopo aver aspettato ed essere invecchiato di qualche secolo mi accorgo che non passa un cazzo.Preso dalla disperazione perchè non sapevo cosa fare mi viene in mente l’unica opzione disperata possibile: rientrare A PIEDI,dalla Prenestina,che é praticamente un vialone ENORME,ENORME.

Esperienza atroce,si parla di chilometri e chilometri a piedi in una zona che non é esattamente centrale e popolatissima.Io avevo un passo da fare invidia a un qualsiasi maratoneta -spinto dal “Oh qua prima arrivo meglio é” e il “Io di stare qua non mi fido mica”- e la cosa che mi ha lasciato perplesso é stata che mentre io battevo il record mondiale di corsa su strada ho fatto non uno bensì due incontri galanti,ossia con due prostitute che per motivi che ignoro totalmente mi hanno entrambe guardato non male,ma MALEMALEMALE.In più,altro incontro di classe:in una stazione di servizio ho beccato 3 volanti di polizia che arrestavano un tizio.Uagnù,questa é la bella vita romana.Rientro a casa verso 00.20 con record mondiale,che tuttavia batto dopo soli 3 giorni visto che la domenica successiva,memore della maratona sulla Prenestina decido di rientrare a casa mooolto prima,verso le 20.30.Ma siccome quando si parla di me la sfiga é perennemente dietro l’angolo,anche qua aspetto anni la fermata di un bus che non arriverà MAI e di nuovo maratona a piedi,stavolta ci metto giusto 25 minuti.Bolt mi fa na sonora pippa.

Nella giornata di venerdì 4/02 avendo con mia somma gioia il pomeriggio libero decido di passarlo buttato in un parco vicino casa.Passo da un bar vicino,mi prendo na birra,sparo gli Smiths a palla e mi lancio proprio su una panchina alla barbone’s way.Miei cari,é stata un’esperienza mistica.Ho passato qualche ora a fissare il cielo,ad amare The boy with the thorn in his side,a tracannare la mia Heineken e mi sono letteralmente sentito in pace con il mondo.Ogni tanto mi sono messo a fissare chi passava,chi faceva jogging,chi portava a pascolare per i prati il cane,o i figli,o la dolce metà,poi a scrivere cose che nessuno leggerà mai,e per 5 ridottissimi e sopravvalutati secondi mi sono sentito molto ma moooolto alla lontana come il mio adorato Charles B. ,che notoriamente amava passare così le giornate o a lavorare il meno possibile.Da qua decido di andarmene,e senza che me ne renda conto prendo i mezzi e arrivo nel posto più improbabile di tutti.

ALL’AUCHAN.

Non chiedetemi il perché.E non ero per niente sbronzo per di più.

E comunque qua la poesia romana si spreca proprio,massimo momento di bellezza qualche giorno fa che becco na coppia di fidanzatini sulla 4oina,due tizi raffinati che scoppiavano proprio d’amore ed eleganza.Dopo che cincischiano un po’ tra loro e si mollano qualche soave tenerezza,lui carico di pathos si allontana da lei e decide di salutarla dedicandole un affettuosissimo addio.

“Ahò,ma vattela a a pijà nder culo! Ciao amore!”

Secondo me da grandi un po’ tutti speriamo di diventare così -io su tutti.

E con questo chiudo e annatevela a pijà nder culo pure voi.Ciao amori.

Read Full Post »