Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2011

Avrei dovuto aggiornare da tempo,lo so.Diciamo che non c’é stato tempo e soprattutto voglia di farlo.Però lo sto facendo adesso,quindi champagne.

 

Saluti a tutti.Se qualcuno si fosse chiesto cosa fosse successo dal 30 aprile fino adesso,ecco un breve riassunto.

-Il giorno dopo non dovevo esserci ma in realtà sono andato al 1 maggio e mi sono divertito in maniera ignobile (dicono abbia contribuito notevolmente quel litrozzo e mezzo di vino,ma sono solo malelingue) ,non pensavo mica.

-i giorni sono passati quasi tutti nella stessa maniera,cioè uguali

-e per una serie di merdosissimi eventi ho preso per ora la decisione di staccare dalla vita romana per almeno sti mesi estivi,ebbene sì.Ci sono una lunga serie di motivi che solo una selezionatissima lista di persone sa per bene,voi altri limitatevi a sapere questo: mi mancavano i miei,i miei amici stretti e l’aria di Putignano City (New Jersey) ,come mi sembrò altamente giusto diversi mesi fa decidere di punto in bianco di andarmene,adesso mi é sembrato altrettanto giusto staccare e rientrare in patria.Sarò incosciente io come al solito,ma trovo una certa bellezza nel dire “non so cosa farò,se starò qui,se torno a roma o vado altrove”,insomma per ora mi godo sti mesi di lontananza dal tram tram romano e mi rilasso.

Breve sunto di questa prima parentesi di vita fuori casa: sono stati mesi vissuti.Ci sono state giornate incredibilmente belle quanto altre indicibilmente assurde,ho conosciuto lati della mente umana che non pensavo potessero esistere,ho imparato che le persone sono davvero strane e che una volta di più devo far affidamento solo su me stesso.Ma tant’é,alla fine sono anche contento che sia andata così dai.Ho finalmente imparato anche a fare finalmente quello che voglio io,senza pensarci più di tanto.Mi va di fare na cosa? Bam,la faccio e vaffanculo alle conseguenze,finalmente non penso più al “magari dò fastidio”.Per quanto riguarda i rapporti lavorativi,ancora na volta ho notato che dovunque vado riesco a farmi benvolere senza un particolare motivo,non so quante persone mi hanno offerto caffè/cornetti/cagate alla macchinetta,uno su tutti quello che poi sarebbe diventato un amico nonchè maestro di vita MARIO,io gli darei il premio al lavoro,nel senso che meno ne fa meglio é.Ecco un paio di suoi insegnamenti per non pagare al ristorante:

-Allora,senti Bè,te vuoi annà al ristorante però non pagà n’cazzo? Fai così:io na volta con dei miei amici annammo a na parte qua fuori Roma,ordinammo delle bottiglie di vino,e pe non pagalle dicevamo sta cosa al cameriere “oh ma sta bottiglia sa di tappo”,quindi quella ssàà riportavano ‘ndietro e noi a bere a scrocco

-Oppure,quanno te ordini na bottiglia,te la intaschi sotto al tavolo,dici al proprietario “sì ma le bottiglie non sono mai arrivate”,non esagerà però che sta cosa va bbbene sono per 4-5 bottiglie

-N’altra volta eravamo in gruppo a Capri,in un risorantino all’aperto no,Bè,e quindi ordiniamo na quantità schifosa di cibo e vino,allora pe non pagare invitammo al tavolo nostro altra gggente che non conoscevamo e je dicevamo “ahò venite tanto paga lui” indicanno n’amico nostro,poi dopo che s’era magnato tutti uno alla volta io e l’amici mia ce ne andavamo,chi al bagno chi al telefono tutti via,e alla fine erano costretti a pagà llloro!

Io l’ultima cosa voglio provarla assolutamente,io Mario lo amo profondamente.Per il resto,mi sono goduto amabilmente i miei (per ora) ultimi giorni romani,ho trovato piacevole qualsiasi cosa,dal freddo mattutino delle 8 che accarezzava le mie gambe secche,alla passeggiata al parco e i CRIC CRAC della ghiaia,i bambini che mi salutavano (altra cosa,dovunque vado i bambini mi salutano e si mettono a giocare con me.Probabilmente devono aver capito che di fronte hanno un loro simile) ,l’anziana che tentava di fare colpo su di me,beh,ho trovato piacevole anche quella.L’unica cosa che proprio non ce l’ho fatta a farmela piacere,la puzza di marcio nei mezzi.

Porcaputtana.

Ma na puzza indicibile oh,non solo gli zingari che poracci non si possono lavare,ma TUTTI proprio,anche gente distinta.Na volta ho trovato un anziano,per la puzza di marcio ero convinto che gli zombie fossero venuti a trovarci finalmente.

Per il resto niente di che,purtroppo non ho incontrato altra gente mediamente famosa e trash,mi sono limitato a guardare la cabina telefonica con il capoccione squadrato che in teoria dovrebbe assomigliare al papa.Una delle cagate più grosse che abbia mai visto,ma con che coraggio hanno finanziato sta cosa e l’hanno messa davanti Termini non si sa.

Ah poi! Finora ho menzionato le cose brutte.Di sti mesi ho amato alla follia i caffè del sabato al solito bar di via Nazionale con Giovanna,mi mancano già tanto (t’ho citato pubblicamente,apprezza.E mi manca anche il tizio con il sigaro) .

E niente,ora sono qua.Sto mangiando amabilmente tutto quello che mi sono perso in sti mesi (ovvero mozzarelle provole scamorze e quant’altro),credo di essermi intascato millemila chili addosso ma sti cazzen.A quanto pare la vita qua é sempre la stessa,anche i vicini del piano di sopra sono sempre gli stessi,tant’é che proprio stamattina al piccolo neanderthal che urlava senza motivo nelle scale la madre ha così risposto tutta dolce:

“Meh a mamma,senti un po’ , mò io apro la porta dell’ascensore,tu mettici la lingua in mezzo,così io poi chiudo la porta e la schiaccio,va bene,a mamma? ”

Bentornato a casa.

Alla prossima.

Annunci

Read Full Post »